Acquista tramite un nostro rivenditore autorizzato



Scopri chi sono gli epoint ->

Potente e compatto synth polifonico a 5 voci, con 2 VCO, filtro Low Pass a 4 poli con risonanza e drive, un riverbero, un multi-FX e un overdrive. Il tutto comodamente controllabile da una ricca dotazione di potenziometri e pulsanti, da un’estesa matrice di modulazione, da una tastiera Fatar Premium [...]

Cod. prodotto: 17900016
Brand:
Il prodotto è disponibile nei nostri magazzini, se il tuo negoziante di fiducia non dovesse averlo presso il suo negozio, chiedigli di ordinarlo e noi lo spediremo entro le successive 48 ore lavorative.

Nel Sequential Take 5 si uniscono l’esperienza storica dell’azienda californiana alla precisione delle moderne tecnologie. Il risultato è un potente ma compatto synth polifonico a 5 voci, con 2 VCO, filtro Low Pass a 4 poli con risonanza e drive, un riverbero, un multi-FX e un overdrive. Il tutto comodamente controllabile da una ricca dotazione di potenziometri e pulsanti, da un’estesa matrice di modulazione, da una tastiera Fatar Premium a 44 tasti sensibile alla velocity e all’aftertouch, un arpeggiatore e un sequencer 64 step polifonico.  

Giaga Robot dimostra Sequential Take 5 

La sintesi sonora nel Take 5

Alla base della generazione sonora dello strumento troviamo 2 oscillatori completamente analogici che permettono di passare da una forma d’onda all’altra in modo continuo. Le forme d’onda selezionabili per ogni VCO sono: sinusoidale, dente di sega e quadra a larghezza variabile. Il pitch del sub-oscillatore a forma d’onda quadra è correlato all’oscillatore 1. Ogni oscillatore offre un potenziometro dedicato per variare l’intonazione in modo continuo nel range +/-7 semitoni. I due VCO possono essere configurati in modalità Hard Sync affinché l’OSC 1 segua l’OSC 2 per creare Lead dal suono corposo e allo stesso tempo tagliente. Il pulsante FM posto al centro della sezione Mixer permette all’oscillatore 2 di modulare l’oscillatore 1 al fine di ottenere sonorità “metalliche” particolarmente apprezzabili su suoni quali i pad e i pluck. 

Per entrambi gli oscillatori, il sub-oscillatore e il generatore di rumore (Pink, White Noise) vi sono controlli di volume dedicati. Due sono i pomelli dedicati al glide, il primo per regolare l’ammontare dell’effetto, il secondo per gestirne la durata. Il tasto Unison permette di suonare fino a cinque voci in contemporanea, con la libertà di assegnare la quantità di detune tra una voce e l’altra. Questo ti permetterà di creare suoni molto corposi, con tanto punch. Premendo lo stesso pulsante mentre suoniamo un accordo composto da massimo 5 note, la funzione Chord Memory memorizzerà gli intervalli per poi trasporli e riproporli seguendo la nota che suonerai sulla tastiera.

Il Take 5 con i suoi componenti analogici è in grado di creare i suoni classici dei polysynth che hanno fatto la storia del sound design. Per rivivere l’originale imperfezione dei synth del passato, una manopola chiamata Vintage introduce variazioni ai parametri sulle singole voci, dando così vita ad un suono più organico.

Video recensione Sequential Take 5
a cura di Giulio Curiel

Il filtro del Sequential Take 5

Il filtro passa-basso risonante a quattro poli è basato sul design di uno dei due filtri del Prophet-5 rev 4: il VCF SSI 2140. Il filtro può andare in auto-oscillazione portando a valori elevati il controllo della risonanza, può essere modulato mediante uno degli inviluppi e da altre sorgenti configurabili nella matrice di modulazione. Dispone di un controllo drive per incrementare il livello del segnale in ingresso al fine di apportare saturazione analogica sul nostro suono.

Le modulazioni nel Take 5

Le modulazioni del Take 5 sono applicabili tramite due LFO (1 globale e 1 per voce), due inviluppi D(delay)-ADSR con routing variabile (filtro, amplificatore, ausiliario). Gli LFO offrono cinque forme d'onda: triangle, sawtooth, sawtooth inversa, square e random (sample & hold). Sono sincronizzabili al clock interno o MIDI esterno e anch’essi liberamente assegnabili a più destinazioni di modulazione. Ma non è tutto, grazie ad un’estesa matrice di modulazione potrai assegnare numerose sorgenti ai vari parametri del sintetizzatore, il tutto modo estremamente semplice per mezzo del modulation learn.

Gli effetti del Sequential Take 5

Un riverbero e un multi-effetto programmabile assieme a un overdrive dedicato sono pronti a darti tutti gli strumenti necessari per definire il tuo suono. Con il Sequential Take 5 la programmazione di suoni classici risulterà molto naturale, ma con la modellazione delle onde a variazione continua, l'accesso al pannello frontale per la FM analogica e questa dotazione di effetti a chiudere la catena ci assicuriamo la possibilità di creare suoni moderni e futuristici. Il multi-effetto ci permette di selezionare, applicare e modificare uno dei seguenti effetti: delay stereo, emulazione di un delay BBD (bucket-brigade) vintage, tape delay e tape delay 2 (con maggior saturazione), chorus, flanger, phaser (6 stadi), ring mod, vintage rotaring speaker, distorsione o filtro passa-alto. Sul riverbero indipendente potremo controllare parametri quali mix, damping, pre-delay, decay e tono (hi-pass/low-pass).  

Tastiera e controlli del Sequential Take 5

Take 5 si presenta con una keybed Fatar premium semi-pesata a 44 tasti (3 ottave e mezzo) di dimensioni standard full-size sensibile alla velocity e all’aftertouch monofonico (bipolare); quest’ultimo è liberamente assegnabile a più destinazioni di modulazione. Molto particolare e utile è la funzione Low Split, tramite la quale potrai trasporre di 1 o 2 ottave solo la prima metà della tastiera, così da poter suonare ottave più basse con la mano sinistra e ottave più alte dello stesso suono con la mano destra. Immancabili le ruote per il controllo del pitch (a molla), con range variabile su ciascun preset, e della modulation. Il pulsante Hold consente di mantenere il suono riprodotto fino al suo disinnesco e usato insieme all’arpeggiatore attiva la funzione Latch.

Grazie ai suoi 47 potenziometri e 50 pulsanti, il sintetizzatore Sequential Take 5 ti consente un accesso immediato a tutti i suoi parametri, per creare un suono partendo da zero o per modificare un preset. Il Live Panel Mode, una volta attivato, fa sì che i parametri del suono attualmente in uso siano portati all’effettivo valore corrispondente alla posizione dei potenziometri presenti sulla plancia dello strumento. In sostanza, le impostazioni del preset saranno abbandonate: quello che vedi è quello che senti e i controlli fisici sono pronti per interagire direttamente sul suono riprodotto. Sfrutta questa funzione quando vuoi sperimentare, studiare la sintesi sonora o per un’immediata gratificazione tipicamente riservata agli strumenti analogici vintage.

Arpeggiatore e Step Sequencer polifonico

L’arpeggiatore programmabile del Sequential Take 5 è configurabile nelle classiche successioni Up, Down, Up + Down, Random, e nell’ordine in cui le note vengono da noi suonate. Sincronizzabile al MIDI Clock esterno o al Master Clock interno con Tap Tempo (controllo e visualizzazione del BPM), l’arpeggiatore ci mette inoltre a disposizione le funzioni configurabili Re-latch e Sustain. Le note generate dall’arpeggiatore possono essere trasmesse verso il MIDI OUT; tramite l’impostazione Global dedicata avremo modo di decidere se inviarle sia tramite DIN, sia via USB, oppure solo ad una delle due opzioni.

Lo Step Sequencer permette di registrare e riprodurre internamente sequenze di note e/o accordi (max 5 note su ciascun step) della durata massima di 64 step. Nella sequenza vengono inclusi i dati di velocity. La sequenza, una volta registrata, può essere trasposta. Potrai inoltre suonare sopra la tua sequenza se hai sufficiente polifonia.

Le connessioni del Sequential Take 5

In uno strumento progettato da Dave Smith non poteva mancare una completa connettività MIDI composta dalla classica triade (In, Out e Thru) su DIN pentapolari e da una porta USB tipo B class compliant (non necessita di driver) per la comunicazione bidirezionale con il tuo computer PC o Mac, oppure con altro strumento che supporta connessioni MIDI via USB (ad esempio: Akai Pro MPC o Force). Al tuo Take 5 potrai collegare un pedale Sustain di tipo Footswitch (jack TS da ¼”) e un pedale di espressione (jack TRS da ¼”) che potrai liberamente assegnare al controllo di un qualsiasi parametro (volume, cut off del filtro, etc.) mediante la matrice di modulazione. Come uscite audio troviamo due (L e R) jack da ¼” di tipo TS e un’uscita cuffia stereo (TRS) su jack da ¼”.

Caratteristiche del Sequential Take 5 

  • Synth analogico polifonico a 5 voci
  • Tastiera Fatar Premium a 3,5 ottave
  • Semi-pesata, con velocity e aftertouch (mono)
  • 128 memorie user e 128 factory
  • 2 VCO (SSI 2130) per voce
  • Onda variabile in modo continuo
  • Sine, saw, square a larghezza variabile
  • Sub-oscillatore a forma d’onda quadra
  • Hard Sync e FM
  • Unison con Chord Memory
  • VCF LP a 4 poli (SSI 2140) con risonanza e drive
  • 2 LFO, 2 inviluppi DADSR
  • Matrice di modulazione con funzione learn
  • Vintage Knob
  • Glide Polifonico (portamento)
  • Sequencer polifonico 64 step
  • Arpeggiatore programmabile
  • Effetti: Riverbero, Multi-FX, Overdrive
  • Clock: Master (Tap Tempo), external MIDI
  • Controllo e visualizzazione dei BPM
  • MIDI: In, Out e Thru DIN, USB tipo B
  • Uscita stereo principale (2 x 1/4′′ jack TS)
  • Uscita cuffie (jack stereo da 1/4" TRS)
  • 1 ingresso jack 1/4′′ TS per pedale Sustain
  • 1 ingresso jack 1/4′′ TRS per pedale d’espressione
  • Dimensioni e peso: 63,5x32,4x11,2cm; 7,7 kg
  • Connettore IEC per alimentazione da corrente
  • Consumo: max 14W